3 Minuti di Lettura

La Curcuma longa è una pianta erbacea perenne tropicale diffusa in molti paesi asiatici (India, Cina…), ma coltivata anche in Africa. E’ caratterizzata da un rizoma sotterraneo molto carnoso e di colore arancio intenso al suo interno. Le foglie sono di forma lanceolata e appuntita all’estremità, mentre i suoi fiori sono di colore giallo opaco e molto belli. La Curcuma longa, da cui è estratta la spezia gialla che tutti conosciamo, anche chiamata turmeric da Inglesi e Indiani, appartiene alla famiglia delle Zingiberaceace ed è da sempre utilizzata nella medicina Ayurvedica e nella medicina Cinese per la sue numerose proprietà benefiche, prime tra tutte quelle antinfiammatoria ed antiossidante nelle patologie articolari.

Composizione: E’ costituita per il 6% da olio essenziale composto da monoterpeni e sesquiterpeni (tra cui zingiberina e B-tumerone), amidi, che rappresentano il 45-55% del suo peso, e curcuminoidi, il principale dei quali è la curcumina, molto importante per la sua azione terapeutica, Vit C, minerali, proteine…

Proprietà: E’ nota fin dall’antichità per la sua azione antinfiammatoria, antiossidante, antidolorifica, antitumorale, antibatterica, attiva anche contro il colesterolo ed epatoprotettrice. La curcumina agisce inibendo COX-2 e LOX, responsabili della produzione di molecole pro infiammatorie e comuni target di alcuni farmaci antinfiammatori molto utilizzati anche in medicina veterinaria.

Come si utilizza e a che scopo?

La curcuma è da sempre stata utilizzata per curare l’ulcera peptica, i dolori causati da artrite reumatoide, amenorrea, diarrea, epilessia e problemi cutanei, ma anche come tonico, purificatore del sangue e antinfiammatorio sistemico.

L’infiammazione cronica è infatti alla base dello sviluppo di gravi patologie, tra cui artriti, disturbi polmonari, ma anche patologie autoimmuni e cancro!

Bloccare l’infiammazione è fondamentale per vivere una vita sana e lunga!

In medicina veterinaria la curcuma viene utilizzata ad uso esterno su ferite, ascessi, ulcere sanguinamenti e micosi; ad uso interno in corso di coliche, verminosi, costipazione, disturbi respiratori, perdita di peso, infiammazioni, epatopatie e tanto altro ancora.

La somministrazione di curcuma ha avuto grande successo in pazienti con problemi articolari, anche in caso di osteoartrite nel cane, oltre che nelle uveiti e nella riduzione del colesterolo “cattivo” in individui umani con principi di aterosclerosi.

Curiosità: la curcuma, nota anche come zafferano delle indie, applicata localmente è molto utile in caso di morso di vipera (Jacome, 2002)!

SINERGY, Natural Mente Corpo ATTIVI con Union B.I.O.!

Synergy è un mangime complementare per il cavallo, che aiuta l’animale a mantenere o recuperare uno stato di benessere psico-fisico, grazie alla sinergia di numerosi principi attivi vegetali.

La presenza della Curcuma rende il Sinergy un valido aiuto in caso di senilità, per sconfiggere i danni da radicali liberi, aiutare a combattere l’infiammazione articolare, nonché per la sua azione antineoplastica. Ma non solo, grazie all’intero formulato, questo mangime complementare è utile nei casi di debilitazione, riduzione delle funzioni cerebrali, patologie infiammatorie e dolorose, disturbi respiratori, nonché cutanei come accade per esempio in caso di Dermatite Estiva Recidivante (DER). Questo formulato contiene infatti,oltre alla Curcuma, Ginkgo, Aloe, Echinacea, Papaia e molto altro ancora!

Dott.ssa Paola Zintu, Medico Veterinario

Bibliografia:

Jacome D., Melo M.M., Santos M.M., Heneine L.G. Kinetics of venom and antivenom serum and clinical parameters and treatment efficay in Bothrops alternatus envenomed dogs. Vet Hum Toxicol 2002; 44:334-338.

Wynn, Susan G., and Barbara Fougere. Veterinary herbal medicine. Elsevier Health Sciences, 2006; 652-653.

Photo:Biodiversity Heritage LibraryDinesh Valke,  Forest and Kim Starr,

SCOPRI LE ULTIME NOVITÀ E PROMOZIONI UNION BIO.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER E RICEVERAI IL 5% DI SCONTO PER IL TUO PROSSIMO ACQUISTO.

Dog with envelope.